Torta incredibile ai pistacchi e limone

Da quando ho assaggiato questa torta a casa di Patrizia che penso alla versione con i pistacchi. Tempo fa un amico, di ritorno da una viaggio in Sicilia,  mi aveva portato della “farina” di pistacchi di Bronte e così non potevo  non farla….e poi è stata la torta del mio 42 esimo compleanno!

Che dire il profumo è eccezionale, il sapore veramente incredibile!

Ingredienti

200 ng di zucchero semolato
300 ml di panna fresca
150 ml di latte fresco intero
125 g di burro
90 g di “farina” di pistacchi
80 g di farina 00
4 uova
1 limone non trattato
1 cucchiaino di lievito in polvere

Sbattere le uova con lo zucchero e le farine,  aggiungere il lievito, il burro fuso,  il latte e la panna. Per ultimo aggiungere  60 ml di succo di limone e la scorza grattugiata dello stesso.
Versare l’impasto in una tortiera, meglio se rettangolare, foderata di carta forno bagnata.
Cuocere in  forno a 180° per circa 45′, lasciar raffreddare completamente la torta e quando sarà ben fredda spolverizzare lo zucchero a velo e “farina di pistacchi”.

Annunci

Cake Pops

I cake pops sono trasversali e piacciono a tutti, se poi i tutti sono adulti e sono più numerosi  dei piccoli si assiste ad una lotta all’ultimo cake pops che può regalare momenti molto divertenti.

Ho visto madri assumere facce contrite e funeree mentre si sacrificavano, mangiando, l’ultimo cake pops, al posto della figlia….si sa troppi dolci fanno male ai bambini, soprattutto dopo le 5 del pomeriggio!!!

Sono facilissimi da fare e sicuramente finiranno velocemente!

 

Ingredienti:

400 g di pan di spagna

200 g di nutella

200 g di cioccolato fondente

Perline di zucchero colorate

Sbriciolare con le dita la torta e metteteli in una ciotola. Aggiungere la nutella e  impastare, occorre  ottenere un impasto abbastanza compatto per formare delle palline grandi come una noce. Metterle su un  foglio di carta da forno e far rassodare in freezer per circa mezz’ora, in frigo per una giornata.

Fondere a bagnomaria il cioccolato e tuffare le palline di torta ricoprendole completamente; far colare il cioccolato in eccesso. E metterli ad asciugare sul vassoio ricoperto di carta forno. Ovviamente si possono decorare a piacere, io ho usato delle perline di cioccolato colorate ma sono molto carine anche ricoperte di cocco o di granella di nocciole. Conservare in frigo per

Biscotti polenta e pecorino

Da qualche parte avevo letto o visto, insomma non mi ricordo!!!, l’impasto di questi biscotti in versione dolce. Il problema è che non avevo memorizzato le quantità degli ingredienti, anzi l’unica cosa che ricordavo era che il rapporto tra farina bianca e farina di mais: 1:2.

Sorpresa!: nonostante queste premesse i biscotti sono risultati buoni e profumati e accompagnano deliziosamente la marmellata di cipolle rosse.

 

 

Ingredienti:

300 g farina bianca

150 g di farina di mais

100 g di pecorino grattugiato

1 uovo

1 cucchiaino di lievito

2 cucchiai di vino bianco freddo

sale

Impastare tutti gli ingredienti insieme e formare una palla, avvolgerla nella pellicola e metterla a riposare per 30 minuti in frigorifero.

Accendere il forno e portarlo a 180°, stendere l’impasto e ritagliare i biscotti; cuocere per circa 15 minuti, i biscotti devono restare chiari.

Coniglio in porchetta

Era da un po’ che volevo provare a fare questa ricetta, mi incuriosiva molto l’idea di combinare una carne così delicata come il coniglio al sapore dell’ aglio, rosmarino, finocchietto e visto che comincia a vedersi, sui banchi dei verdurieri, l’aglio fresco perché non provare?

 

 

Ingredienti:

1 coniglio disossato

200 g di salsiccia

100 g pancetta

3 spicchi di aglio fresco

3 cucchiai di pane grattugiato

1 mazzetto di finocchietto

1 mazzetto di rosmarino

olio, sale, pepe

Far bollire il finocchietto in abbondante acqua calda. Far rosolare la pancetta in una padella calda e aggiungervi la salsiccia sbriciolata senza pelle. Bagnare con il brodo di finocchietto e ed unirvi l’aglio tritato. Bagnare il pane, tritare il rosmarino.

Unire il pane, il rosmarino e la salsiccia in una terrina e lasciare raffreddare.

Salare e pepare abbondantemente il coniglio e stendervi il ripieno. avvolgete il coniglio su se stesso fino a formare un salame, chiudere con dello spago da cucina. Avvolgere, compattando, il coniglio in un foglio di carta forno legare a caramella e metterlo in una teglia unta. Bagnare con il brodo e far cuocere in forno, 180°, per 1 ora.

Lasciare riposare e servire tiepido.

Baccalà alla veneta

Per quanto mi riguarda l’abbecedario culinario si può sottotitolare “amarcord“, ogni volta è aprire un cassetto della memoria e ricordare.

Questa volta il ricordo è affiorato piano, quasi con timidezza; il Veneto lo conosco poco e credevo di non avere (!) grandi ricordi culinari legati a questa regione, fino a quando le papille gustative della memoria non mi hanno riproposto il sapore del baccalà alla veneta, mangiato tantissimi anni fa a Verona.

Esponevamo alla fiera “Abitare il Tempo” delle lavorazioni in pietra leccese e mi ricordo di aver apprezzato moltissimo la mostra, a Palazzo Forti, “Dalì, Mirò, Picasso e il Surrealismo spagnolo”. A fine giornata andavamo a passeggiare nei dintorni dell’Arena e durante una di queste passeggiate siamo stati rapiti da questo profumo invitante che uscendo dalla porta di una trattoria invadeva tutta la strada. La trattoria era a conduzione famigliare: pochi e semplici piatti, cucinati in maniera tradizionale e senza fronzoli, tutti buonissimi.

Ingredienti:

300 g di baccalà pronto da cuocere

3 cipolle bianche

3 cucchiai di passata di pomodoro

2 cucchiai di olio

prezzemolo tritato

Pulire e affettare la cipolla a rondelle, togliere la pelle al baccalà e tagliarlo a pezzi.

Far stufare le cipolle nell’olio, unire la passata di pomodoro e lasciar cuocere per 5 minuti, aggiungere il baccalà e portare a cottura. Cospargere con il prezzemolo.

vado da Astrofiammante a lasciare il mio commento…ciao

Pane al muesli

“E si ricordi che per stare bene la colazione è tassativa!” pare proprio che sia così e visto che da qualche tempo sono diventata una brava personcina che segue i consigli giusti (ih! ih! ih!) la colazione è diventata tassativa. Mi preparo una tazza di caffè e latte, o meglio mi faccio preparare, che accompagno con delle fette biscottate o dei biscotti secchi.

Ieri sera ho realizzato che per stamattina non avevo niente da mangiare e soprattutto non avevo voglia di uscire a comprare qualcosa, così mi sono preparata questo pane al muesli che è una vera bontà



Ingredienti:

100 g di muesli

100 g di yogurt bianco

300 g di farina bianca

150 g di farina integrale

330 g di acqua

1 cucchiaio di zucchero

1 cucchiaino di sale

7 g di lievito di birra secco


Impastare tutti gli ingredienti, io utilizzo la macchina del pane, e lasciare lievitare per circa 1,5 ore.

Sgonfiare l’impasto e dargli la forma desiderata, io l’ho messo in uno stampo da plum-cake, e lasciare lievitare ancora 1 ora.

Infornare, forno statico, a 190° per circa 45 minuti.

L’abbecedario culinario: Trentino Alto Adige

Se dico che la vera Montagna è in Trentino Alto Adige si offende qualcuno? Spero proprio di no!

Saranno stati i classici 15 giorni d’estate passati a Madonna di Campiglio quando ero piccola – che poi a pensarci bene non era proprio comodissimo partire dal Salento per raggiungere il Trentino ma i genitori degli anni ’70 avevano le loro convinzioni e così ogni anno, a fine estate, 15 giorni in montagna erano obbligatori – oppure le settimane bianche ad Andalo – io non so sciare, ho troppa paura di farmi male, ma come ci si riposa bene in settimana bianca!!! – o ancora meglio i campi-lavoro a Siusi ma il Trentino è uno dei miei luoghi del Benessere!

Quando mi sono resa conto che era ora di preparare la ricetta per l‘Abbecedario Culinario della Trattoria MuVaRa la scelta è stata facilissima: STRUDEL!!

Ma non il classico strudel, anche perché non verrebbe come quelli mangiati in situ, ma una rivisitazione salata con mele, uvetta, pinoli,… salsiccia e broccoli.

Ingredienti:

per la pasta

250 g di farina 00

2 cucchiai di olio

3 cucchiai di vino bianco

2 cucchiai di acqua

1 uovo

sale

 

per il ripieno

200 g di salsiccia

300 g di broccoli

1 mela

1 cucchiaio di pinoli

1 cucchiaio di uvetta

1 pizzico di peperoncino

olio, sale

Preparare la pasta mescolando tutti gli ingredienti insieme, una volta ottenuta una bella palletta profumata e malleabile farla risposare in frigo coperta da pellicola per almeno una ora.

Nel frattempo preparare il ripieno, sbollentare i broccoli e ripassarli in padella con olio e peperoncino.

Sgranare la salsiccia e cuocerla a fuoco vivo per 10 minuti.

Pulire e tagliare la mela a piccoli pezzi.

Stendere la pasta in un rettangolo, prestando attenzione a non strapparla; lo spessore della sfoglia deve essere sottile quasi come un foglio.

Disporre sulla sfoglia prima i broccoli, poi la salsiccia e in ultimo le mele, i pinoli e l’uvetta.

Arrotolare la sfoglia, ben stretta; far cuocere a 220° per 30 minuti.

Corro a lasciare un commento da Briggishome